5xmille, chi ha ricevuto più fondi nel 2015

Stampa Home
Articolo pubblicato il 15/05/2017 alle ore 18:57.
5xmille, chi ha ricevuto più fondi nel 2015 2
5xmille, chi ha ricevuto più fondi nel 2015 2

Desenzano Associazioni sportive dilettantistiche, volontariato e Comuni: per tutti è stato donato il contributo. «Dona il tuo 5 x mille», un ritornello noto nel momento in cui ci si ritrova a compilare la dichiarazione dei redditi.

Ogni contribuente ha infatti la possibilità, ma non l’obbligo, di devolvere il cinque per mille della propria imposta sul reddito a sostegno di un ente presente nelle quattro categorie prestabilite: associazioni di volontariato, attività sociali svolte dal Comune di residenza, ricerca sanitaria, scientifica e universitaria e le associazioni sportive dilettantistiche. Il calcolo effettuato per il 5 x mille è a percentuale e varia in base alle persone che scelgono di devolvere ma soprattutto in base al loro reddito. Per dirla semplice, è più vantaggioso un benefattore benestante per l'ente che riceve rispetto a dieci meno ricchi. Ma tornando ai numeri, di che importi parliamo? E chi incassa tali importi nei Comuni del lago di Garda. Sul sito dell’agenzia delle entrate è stato pubblicato nei giorni scorsi l’elenco completo di tutti gli enti destinatari del contributo per l’anno finanziario 2015.

In cima alla classifica per il maggior contributo ricevuto l'associazione in tutto il basso Garda troviamo l’associazione Amo Baldo, Assistenza domiciliare al malato oncologico «Miki De Beni» Onlus. Il sodalizio, costituito nel 2003, porta avanti un inteso programma gratuito di cure domiciliari e di assistenza alle famiglie dei malati oncologici. L’opera è gratuita per le famiglie, ed è quindi fondamentale il contributo di soci e benefattori. L’opera dell’associazione intitolata a Miki De Beni è di importanza fondamentale per molte famiglie, ed ecco quindi spiegati le 1853 preferenze espresse nei confronti del gruppo, pari a un totale di 56mila e 647 euro. Al secondo posto per contributi dai cittadini un’altra onlus storica della sponda veneta del lago, l’associazione La Nostra Casa Onlus di San Benedetto di Lugana a Peschiera del Garda. Al centro di accoglienza per persone con disabilità guidato da don Bruno Pozzetti hanno destinato il proprio 5x mille 1047 persone, per un totale di 37mila euro e 662.

Dalle Onlus che si occupano di malati oncologici e diversamente abili, passiamo alla terza e quarta associazione in graduatoria in termini di fondi raccolti.
E in questo caso dobbiamo parlare di animali.

L’associazione Fondo Amici di Paco Onlus di Padenghe ha raccolto infatti con le dichiarazioni dei redditi del 2015 24mila e 579 euro, grazie a 767 scelte. «Gli obiettivi dell’associazione Il Fondo Amici di Paco sono iniziative per la tutela dei cani abbandonati o maltrattati e la diffusione dei valori del rispetto e della comprensione verso tutte le specie viventi (uomini e animali). I fondi raccolti grazie alla solidarietà di migliaia di sostenitori in tutta Italia vengono devoluti in sostegno ad attività di: prevenzione del randagismo, diffusione del messaggio di amore e solidarietà verso gli animali, aiuto ai rifugi che accolgono i cani e i gatti abbandonati». Anche il quarto posto in termini assoluti è dedicato agli animali: con 837 scelte per un totale di 20mila e 242 euro troviamo l’associazione Compagnia di Strada, che gestisce intercomunale di Desenzano, Sirmione e Montichiari. L’associazione che gestisce il canile ha raccolto come detto 837 scelte, 335 in più rispetto a quelle ricevute dalla Onlus dei Rogazionisti di Desenzano, che si sono fermati a 16mila e 957 euro. 453 preferenze per un’altra storica associazione di assistenza desenzanse, l’Anffas: entreranno nelle casse 14mila e 101 euro. A Lonato la fanno da padrone Grimm Cantieri di Solidarietà, 557 preferenze e 19mila e 629 euro che entreranno nelle tasche del gruppo, e la fondazione Madonna del Corlo, scelta da 469 contribuenti per 13mila e 714 euro.

Economia

Sanità

Politica