A Desenzano "resuscita" la Pro Loco. Il comunicato del Coordinatore Unpli del Garda

Stampa Home
Articolo pubblicato il 30/09/2017 alle ore 17:41.
A Desenzano "resuscita" la Pro Loco. Il comunicato del Coordinatore Unpli del Garda 4
A Desenzano "resuscita" la Pro Loco. Il comunicato del Coordinatore Unpli del Garda 4

"La proloco di Desenzano è inattiva da 3 anni. Non ha più soci. Per riattivarla serve un'assemblea pubblica e solo dopo sei mesi si potrà andare ad elezioni". 

Comincia così il comunicato della Coordinatrice UNPLI per il bacino del Garda e fiume Chiese, Raffaella Visconti, in seguito alle notizie stampa e alle indiscrezione dei giorni scorsi che hanno riportato la notizia della riattivazione, dopo anni di stop, della Pro Loco desenzanese. Lo riportiamo per intero, in attesa della replica di esponenti dellla Pro Loco destinatari delle considerazioni di Visconti.

"La presentazione in questi giorni di un nuovo gruppo che si definisce "pro Loco" nulla cambia nel panorama desenzanese già ricco di tante associazioni che da anni si sono costruite una credibilità. 

Se costoro intendono riattivare effettivamente l'associazione pro loco di Desenzano devono rispettare il proprio statuto e il nuovo ordinamento del Terzo Settore. L'autoproclamazione senza soci non è contemplato in nessun ambito e si ricordi che le associazioni sono regolate dal codice civile e devono rispondere giuridicamente delle proprie azioni.

Ben venga se la proloco di Desenzano decaduta e dimmissionaria da oltre 3 anni vuole ricostituirsi. Se però vuole essere riconosciuta nell'UNPLI e godere delle agevolazioni nazionali e regionali, deve compiere i corretti passaggi con documentazione attestante la gestione dell'attività. Purtroppo essendo da lungo tempo inattiva (addirittura un intero mandato elettorale) le alternative, comunicate tempo fa al presidente dimissionario e preoccupato per le responsabilità e le eventuali sanzioni, erano chiudere la posizione presso l'Agenzia delle entrate, oppure organizzare un'assemblea pubblica, possibilmente con la presenza dei coordinatori provinciali, in cui acquisire nuovi soci, attendere i 6 mesi indicati nello statuto, poi andare ad elezione. Questa è la procedura. Per il resto fa fede lo statuto, in particolare quello della Pro Loco di Desenzano ha carattere presidenziale, pertanto l'assemblea dei soci eleggerà direttamente il presidente, oltre al CdA. La presentazione oggi a mezzo stampa di un Direttivo costituito da ex candidati alle ultime elezioni comunali proclamatisi senza assemblea dei soci è una forzatura  molto lontano dal mondo pro loco che da statuto è apartitico e apolitico.

Da 3 anni il consiglio direttivo proloco di Desenzano è dimissionario. I primi dei non eletti alle elezioni di 4 anni fa non sono stati integrati. In questi anni Non è stato possibile associarsi e tantomeno rinnovare le quote annuali. Di fatto la proloco è stata "congelata". Lo scorso anno si sarebbe dovuta svolgere l assemblea elettiva ma nessuno ha fatto alcuna convocazione. Da 3 anni la pro loco di Desenzano non è più iscritta all'UNPLI, l'ente nazionale che coordina tutte le pro loco, perdendo così tutti i diritti. 

La Pro Loco di Desenzano è relativamente recente e fu un esperimento, visto che le pro loco hanno senso esclusivamente in piccoli paesi in cui sia assente l'assessorato al turismo e non è il caso di Desenzano. Si trattava quindi di collaborare con le altre associazioni già esistenti sul territorio, per esprimere progetti unitari e coordinati. Purtroppo la massiccia partecipazione di persone legate a partiti ne decretò la fine. Ma Desenzano è un grande centro e può sicuramente esprimere importanti professionalità a supporto di una progettualità che potrebbe essere utile alla nostra cittadina.

Come coordinatore di bacino da anni sollecito la ripresa della pro loco di Desenzano e come cittadina volentieri parteciperò alla prossima assemblea".

 

Economia

Sanità