Aggressore si finge vittima, arrestato

Stampa Home
Articolo pubblicato il 25/09/2017 alle ore 16:34.
Aggressore si finge vittima, arrestato 4
Aggressore si finge vittima, arrestato 4

La scena è subito apparsa inverosimile ai Carabinieri intervenuti in un fast food turco: un cliente dolorante nelle parti intime e ricoperto di sangue affermava di essere stato aggredito e malmenato dal gestore del locale, nonostante l’evidente sproporzione fisica fra i due, considerato che il presunto aggredito sfiorava i 190 cm rispetto all’aggressore alto 160 cm.

E’ accaduto sabato notte a Valeggio sul Mincio, quando i Carabinieri della Stazione di Peschiera del Garda e della Compagnia d’Intervento Operativo, il contingente di rinforzo impiegato nella stagione estiva sul lago di Garda, sono intervenuti per sedare una violenta lite all’interno del locale pubblico del centro cittadino. La verità sull’accaduto è stata svelata in maniera inequivocabile, consentendo ai Carabinieri di arrestare il vero aggressore dopo aver visionato il filmato ripreso dalle telecamere di sicurezza del locale; il cliente 30enne marocchino è entrato nel fast food, ha mangiato e bevuto e mentre usciva senza aver pagato è stato raggiunto dal gestore pakistano che ha preteso il denaro dovuto. In tutta risposta è stato colpito dall’energumeno con un pugno in pieno volto, fratturandogli il setto nasale. Mentre l’aggredito semisvenuto perdeva copiosamente sangue, l’aggressore ha inscenato la parte della vittima, prima rotolandosi nel sangue del ferito, imbrattandosi anche il volto, poi, dando prova di insano masochismo, si provocava delle lesioni alle parti intime fino a provocarne la tumefazione: un dolore certamente molto intenso ma che non gli ha evitato le manette.

Stamane l’arrestato è comparso dinnanzi al Giudice del Tribunale di Verona che, dopo aver convalidato l’operato dei Carabinieri,  è stato sottoposto all’obbligo di firma alla Stazione dei Carabinieri di Valeggio sul Mincio con rinvio dell’udienza al prossimo 10 novembre.

Economia

Sanità