Berengario di Torri vince la tappa di Gargnano

Stampa Home
Articolo pubblicato il 16/07/2017 alle ore 17:00.
Berengario di Torri vince la tappa di Gargnano 2
Berengario di Torri vince la tappa di Gargnano 2

E’ lotta a due per la Bandiera del Lago del cinquantesimo. Berengario di Torri del Benaco vincendo ieri sera a Gargnano rende più dura la vita a Grifone di Sirmione e riapre i giochi nel gruppo “A”, quello degli equipaggi più forti. Nel gruppo “B” Villanella di Gargnano rimonta in volata Gardonese mentre nel gruppo “C” degli emergenti, Ariel di Gardone Riviera detta legge sul resto della flotta.

Ha detto questo la sesta tappa del Palio remiero disputata a Gargnano, uno dei paesi che con Garda, Lazise e Bardolino fondarono cinquant’anni fa l’associazione remiera della Lega Bisse del Garda. A quattro giornate dal termine, la classifica vede sempre al comando Grifone di Sirmione con 176 punti, seguito da Berengario di Torri con 172 e Peschiera con 169. Più distanziati seguono con 164 punti i detentori clusanesi della Bandiera del lago di Carmagnola che ormai paiono aver abdicato alle velleità di primato, Garda con 162 e Clusanina con 161.

Dopo il richiamo ufficiale agli equipaggi di Berengario e Peschiera per falsa partenza, la regata si è sviluppata come tradizione in questo campionato nella più totale incertezza fino all’ultimo giro di boa con gli equipaggi di Berengario, Grifone e Peschiera praticamente sullo stesso piano. La volata finale ha premiato l’equipaggio di Torri che ha chiuso la prova con 6’22”91, precedendo Grifone (6’24”84) e Peschiera (6’29”03) che ha contenuto di un soffio la rimonta di Garda (6’29”49). Quinto posto per Carmagnola con 6’31”91 mentre Clusanina ha terminato onorevolmente la batteria in 6’52”70 al termine di una gara ad handicap per l’improvviso forfait di un membro dell’equipaggio, sostituito pochi minuti prima della sfilata in acqua.

Nel gruppo “B” la vittoria ha premiato Villanella di Gargnano solo all’ultima vogata dopo aver rincorso per tutta la gara una splendida Gardonese sempre in testa fino a pochi metri dal traguardo. 6’32”77 il tempo finale dei ragazzi locali, incitati come ai bei tempi a gran voce da un pubblico più da stadio che da lungolago. Seconda Gardonese in 6’33”57 e terzo gradino del podio per Paratico con 6’39”96: nella prima metà di gara aveva provato ad inserirsi nel duello tra le prime due imbarcazioni. Arilica di Peschiera conclude quarta in 6’46”28, quinta Aries di Garda e sesto posto invece per l’equipaggio di Montisola con 6’54”64.

Nel gruppo “C” è andato in scena il monologo dei giovanissimi gardonesi di Ariel: al termine di una gara condotta in testa sin dalle prime vogate, hanno preceduto con il tempo di 6’46”63 i desenzanesi di Sant’Angela Merici (6’59”21), Sebina (7’05”71), Betty di Cassone (7’19”20), Benacum di Toscolano Maderno (7’22”64) sulla quale sono presenti due ragazzi del vivaio della Società Villanella di Gargnano e Paloma di Garda (7’29”64).

Le batterie si sono disputate in condizioni di campo regata praticamente analoghe per tutti gli equipaggi a differenza di altre località dove il sorteggio in batteria a volte può condizionare e compromettere l’esito di una prestazione.

Alla regata di Gargnano era gradito ospite della Lega Bisse del Garda e della Società Villanella il Presidente della Federazione Italiana Canottaggio Sedile Fisso, Marco Mugnani con i consiglieri federali Roberto Frizzarin e Franco Baruffaldi nelle vesti di speaker della manifestazione.

La sfilata a terra degli equipaggi ha preso il via dalla limitrofa frazione di Villa dove sotto il vicolo a lago a pochi metri dal porto intitolato al Menèch, maestro d’ascia costruttore delle prime bisse del lago, viene ricoverata tra un allenamento e l’altro la Villanella.

Le premiazioni degli equipaggi si sono svolte alla presenza del Sindaco di Gargnano Giovanni Albini, del presidente nazionale della F.I.C.S.F. Marco Mugnani, del presidente della Lega Bisse del Garda, Marco Righettini magistralmente dirette dal presidente della S.S. Villanella Luca Castellini a seguire il terzo tempo degli equipaggi in piazza fino a sera inoltrata con danze e gastronomia.

Le bisse torneranno in acqua sabato prossimo nel basso lago. Sarà ancora tappa bresciana a Desenzano del Garda dove la società di Antonio Boselli farà di tutto per difendere la propria reputazione davanti al pubblico di casa.

Economia

Sanità

Politica