Canottieri Salò: crescono gli assi del futuro

Stampa Home
Articolo pubblicato il 19/07/2017 alle ore 10:26.
Canottieri Salò: crescono gli assi del futuro 4
Canottieri Salò: crescono gli assi del futuro 4
Canottieri Salò: crescono gli assi del futuro 8
Canottieri Salò: crescono gli assi del futuro 8

Si è svolta dal 14 al 16 luglio la 28esima edizione del Festival dei Giovani di Canottaggio 2017 presso il centro remiero del lago di Pusiano, in provincia di Como, che rappresenta l’evento principale della stagione per la squadra giovanile della Società Canottieri Garda Salò.

L’evento remiero tricolore ha visto la presenza di 1573 allievi e cadetti under 14 in rappresentanza di 132 società per un totale di 2.153 equipaggi.

La S.C.G.S. ha ottenuto 6 ori, 7 argenti e 1 bronzo. Ha inoltre raggiunto il suo miglior risultato di sempre posizionandosi 18esima su 118 squadre italiane e sesta tra le società femminili.

Grande soddisfazione da parte dei dirigenti e degli allenatori della “Garda” per il risultato ottenuto, che dimostra il buon livello del vivaio e fa ben sperare per il futuro della squadra agonistica.

«Questa stagione rappresenta per noi un nuovo punto di partenza – ha dichiarato l’allenatore Stefano Melzani – siamo riusciti ad ampliare in maniera importante la nostra squadra giovanile ben consapevoli delle problematiche che questo comporta; dopo un periodo iniziale  - ha poi aggiunto – in cui abbiamo dovuto concentrarci sul creare una squadra, siamo riusciti a programmare in maniera impeccabile la preparazione all’evento e i risultati si sono visti. Essendo una manifestazione a squadre – ha continuato Melzani – è giusto premiare tutti i nostri atleti senza distinzione in base al singolo risultato; ammetto però che abbiamo delle buone individualità le quali, se vorranno, potranno togliersi delle buone soddisfazioni in futuro. Il merito di questi risultati – ha così concluso – è dei miei collaboratori Stefano Bertelli e Francesco Niboli i quali hanno lavorato giorno dopo giorno a fianco dei nostri ragazzi; oggi possiamo dire di aver creato un nuovo stimolante ambiente giovanile nel quale, speriamo, sempre più ragazzi vorranno inserirsi».

Economia

Sanità