Festa solidale per la fine dell'estate

Stampa Home
Articolo pubblicato il 09/09/2017 alle ore 12:25.
Festa solidale per la fine dell'estate 4
Festa solidale per la fine dell'estate 4

Sabato 16 settembre il gruppo folcloristico Cuori Ben Nati chiuderà in festa, tra musica e assaggi, l’estate di Rivoltella del Garda.

In piazza Deodara, dalle 19 e 30, esibizione della Banda folcloristica dei Cuori Ben nati e a seguire degustazione di “pennette all’Amatriciana” accompagnate da ottimi vini della Cantina Zenato. Il ricavato della serata sarà devoluto alle popolazioni del Centro Italia, colpite un anno fa dal terremoto.

Anche lo scorso anno la serata di chiusura dell’estate è stata dedicata alla popolazione di Accumoli, al cui sindaco il gruppo folcloristico ha consegnato cinquemila euro.

Quest’anno, ripetendo l’iniziativa di solidarietà a favore del comune laziale, il sindaco di Accumoli Stefano Petrucci e l’assessore Gabriella Del Marro hanno voluto essere presenti per ringraziare gli amici rivoltellesi della vicinanza. Sarà quindi un’occasione per rafforzare questa amicizia e consegnare un nuovo contributo all’amministrazione comunale di Accumoli affinché la ricostruzione del paese possa proseguire, anche grazie a un aiuto gardesano.

In caso di pioggia l'evento sarà rinviato a domenica 17 settembre.

In tutti questi anni la Banda folcloristica o “Banda del Bordèl” è stata la bandiera dell’associazione e ha portato i Cuori Ben Nati e il nome di Rivoltella, e della città di Desenzano, in giro per l’Italia e all’estero con la simpatia contagiosa di questa band inusuale, dagli strumenti originali e fantasiosi come forbici, ciabatte, martelletti e il repertorio di musica popolare italiana, capace di far divertire tutti, grandi e piccoli, italiani e stranieri.

Anche la chiusura dell’estate 2017, in centro a Rivoltella, avrà la colonna sonora dei Cuori Ben Nati nello spirito di amicizia e allegria che da sempre contraddistingue il sodalizio.

Tutti i costi della manifestazione sono a carico del gruppo Cuori Ben Nati, con il contributo dell’azienda Sanfelici.

Economia

Sanità