Fontana piazzale Gramsci, finalmente i fiori

Stampa Home
Articolo pubblicato il 25/05/2017 alle ore 11:53.
Fontana piazzale Gramsci, finalmente i fiori 4
Fontana piazzale Gramsci, finalmente i fiori 4

Non più deposito selvaggio di mozziconi di sigarette e cestino dei rifiuti . Lo spettacolo indecoroso è finalmente cambiato .

Da alcuni giorni sono tornati finalmente a fiorire i fiori nei catini   della fontana di piazzale Gramsci o se vogliamo dell’antica Porta Clio . Antica perché la sua costruzione risale al lontano 1907  come complemento delle opere di sistemazione del percorso della Settimana Automobilistica Bresciana . Già nel dicembre del 1905 si era costituito il Comitato organizzatore della corsa individuando il percorso Brescia-Montichiari-Castiglione-Lonato-Brescia di 61 km. Da percorrere 9 volte . Si fecero numerosi sopralluoghi sul percorso da parte degli organizzatori e alla fine il 27 ottobre del 1906 incomincia la demolizione di Porta Verona o Clio . E’ in questo periodo –secondo quanto riportato  dallo storico locale Osvaldo Pippa  nelle Memorie Lonatesi , una fedele cronaca del novecento- che la Giunta decide di costruire anche la fontana nello spazio dei giardinetti . Rimossi i pilastri delle Porte , viene deciso di abbattere anche quel tratto di mura civiche che dalle Porte segnano via Barzoni fino alla casa Morazzo, mentre dal lato opposto resta il pilastro di testa delle mura .

La “fioritura “ della fontana è merito dell’impegno del  consigliere delegato per l’arredo urbano e i parchi Ferruccio Scarpella  . “ Voglio ringraziare pubblicamente – sottolinea Scarpella – l’oreficeria Lionetti che ha sede nella piazza municipale di Lonato per aver sostenuto economicamente l’intervento floreale realizzato dal vivaio Botturi di San Cipriano . Vivaio che si sta già impegnando  nel curare   il verde della rotonda nei pressi del cimitero . Siamo all’ingresso di Lonato e dunque si tratta anche di fornire un bel biglietto da visita per i turisti .” Originariamente la fontana era corredata da lavatoi e da una tettoia eliminata negli anni 60.

 

Economia

Sanità