Il sogno? "Sentire l'inno italiano dal podio"

Stampa Home
Articolo pubblicato il 14/08/2017 alle ore 12:03.
Il nostro sogno? "Sentire l'inno italiano dal podio" 2
Il nostro sogno? "Sentire l'inno italiano dal podio" 2
Il nostro sogno? "Sentire l'inno italiano dal podio" 6
Il nostro sogno? "Sentire l'inno italiano dal podio" 6

Grinta, determinazione, concentrazione. Sono queste le caratteristiche distintive del 18enne Alessio Lorandi, pilota campione mondiale della categoria KZJ che insieme al fratello 16enne Leonardo condivide un sogno: quello di approdare in Formula Uno. E sono proprio queste le caratteristiche che hanno fatto breccia nel «Ferrari Club Castenedolo», tanto da spingere gli appassionati dei motori a fondare un fan club dedicato proprio ad Alessio. «Di Alessio ci ha colpito subito la determinazione. - Ha spiegato il presidente del club Gianpiero Mazzoleni- La Gp3 non l’abbiamo mai seguita ma da quando c’è Lorandi la guardiamo alla grande. Siamo orgogliosi che sul nostro territorio sia nata la “Baby Race”, scuderia fondata nel 2006 dal padre, Sandro Lorandi, proprio per loro. Vorremmo far provare agli altri l’emozione che abbiamo provato noi». I due giovani talenti salodiani sono accomunati anche nella scintilla che ha fatto nascere la loro passione. «Abbiamo iniziato per gioco - ha spiegato Alessio - io avevo 5 anni e mio fratello 3, mio papà ci ha portati in un kartodromo a Rezzato dove ci siamo divertiti, in auto trascinati da lui con una corda. Qui è scoppiata la passione diventata poi una 'droga' che ci porta ogni fine settimana a girare qualsiasi pista. Da gioco è poi diventato un impegno che necessita ora di tutta la nostra serietà». Alessio dopo la Formula 3 Europea è approdato nella Gp3 mondiale, mentre Leonardo dopo la vittoria Wsk Master Series Superior a livello Kz gareggia in Formula 4 Italiana. «Valutazione, spirito di apprendimento, cattiveria agonistica, passione - le qualità vincenti di Alessio che ne è ben convinto - il lavoro che si fa fuori pista è molto di più di quello che si dimostra in pista». Anche per Lorandi junior la preparazione è fondamentale: «Sia fisica che mentale, sono necessari tanti allenamenti per aumentare il feeling con la macchina, il supporto da professionisti del settore e gli insegnamenti dei grandi piloti». Mentre Leonardo punta al terzo posto assoluto nel campionato nazionale, Alessio sogna di «sentire l’inno italiano il prima possibile». La voglia continua di superare i risultati già ottenuti li spingono a migliorarsi costantemente. Emozioni, adrenalina, batticuore, anche a questo porta il rombo dei motori. E Alessio che ha incentrato la sua carriera e la sua vita proprio sui bolidi rombanti non si è fatto mancare di parlare di motori nemmeno a scuola. La tesina che ha presentato per la maturità conseguita al liceo Enrico Medi di Salò parla proprio di questo: «L’adrenalina è necessaria per ottenere l’obiettivo, voglio essere come la gazzella che assalta la preda». E con la grinta di un predatore Lorandi, ora come non mai, è pronto a conquistare tutto.

 

 

Melania Isola

Da Gardaweek del 4 agosto

 

Economia

Sanità