La cena per quelli che si chiamano Giuseppe

Stampa Home
Articolo pubblicato il 02/04/2017 alle ore 16:30.
La cena per quelli che si chiamano Giuseppe 2
La cena per quelli che si chiamano Giuseppe 2

«Ehi, ciao Bepi!». Si sono girati tutti e abbiamo capito di essere nel posto giusto. Omonimi di tutto il mondo, sentite qui: ogni 19 marzo a Costermano si radunano quelli che si chiamano Giuseppe.

L’associazione si chiama «I Bepi», ovvio. E uno dei portavoce è Gek Pinamonte, 70 anni classe ‘47. Organizzano un pranzo in un ristorante del posto in cui discutere di tutto, ma senza chiamarsi se non strettamente necessario.

E se proprio devi, usa il soprannome. «Il mio è Gek, poi c’è Beppe, Bepi, Beppino e... Va be’, circa sono questi». La simpatia e gli occhi azzurri di Giuseppe hanno la stessa semplicità dell’iniziativa, che va avanti da 50 anni.

Perché Gek? C’era un telefilm quando ero giovane, 60 anni fa, e le ragazze mi avevano chiamato come uno dei protagonisti», spiega mentre guarda il nipotino giocare. «Lui però si chiama Gabriele», sorride.

LA STORIA COMPLETA SU GARDAWEEK, IN EDICOLA!

Cultura

Economia

Sanità

Politica