Minacce: in manette in cinque

Stampa Home
Articolo pubblicato il 15/07/2017 alle ore 22:54.
Minacce: in manette in cinque 4
Minacce: in manette in cinque 4

Cinque cittadini italiani sono stati ritenuti dai carabinieri del comando Provinciale di Brescia responsabili a vario titolo di tentata estorsione aggravata ai danni di un imprenditore della provincia bresciana. Subito perquisite le abitazioni e la tenuta di campagna di uno degli indagati.

Una qurantina i militari impiegati, coadiuvati da un’unità cinofila anti-droga di Orio al Serio (BG) e da un’unità anti-esplosivo di Casatenovo (LC).

A Canton Mombello è finito un 55 enne, pregiudicato, due 41enni sono stati sottoposti agli arresti domiciliari e due quarantenni all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

I fatti risalgono all’agosto 2016.

La vicenda ha origine dalla ristrutturazione di un immobile ubicato a Castenedolo di proprietà della vittima e affidato ad un’azienda edile della provincia. I lavori effettuati non sono ritenuti dal committente eseguiti a regola d’arte e nonostante le reiterate richieste di sistemazione, anche a mezzo di legale, la ditta non vi pone rimedio pretendendo ugualmente il pagamento della “tranche” finale ammontante a circa 40.000 euro.

L’imprenditore, stante la vertenza in corso, decide di non aderire alla richiesta vessatoria. E’ a questo punto che il titolare della ditta edile e il suo tecnico si rivolgono ad un pregiudicato della zona con il quale si recano a casa della vittima e sul luogo di lavoro e a più riprese, avvalendosi anche di ulteriori soggetti, in un’escalation di minacce giungono a prospettargli la morte nel caso non avesse pagato.

La vittima dopo qualche mese di continue pressioni, preoccupazioni anche per i familiari, disperata dopo l’ennesima minaccia si rivolge ai carabinieri.

Le indagini, dirette dalla Procura della Repubblica di Brescia, hanno accertato i gravi indizi del reato di tentata estorsione aggravata posta in essere dalle 5 persone; l’impianto accusatorio è stato integralmente recepito dal Giudice delle Indagini Preliminari che ha emesso la misura custodiale a carico degli indagati.