Rivoltella "capitale" con la Festa del lago

Stampa Home
Articolo pubblicato il 31/07/2017 alle ore 12:39.
Rivoltella "capitale" con la Festa del lago 4
Rivoltella "capitale" con la Festa del lago 4

La «Festa del lago e dell’ospite» è un classicissimo d’estate, è la Festa per antonomasia, il momento in cui Rivoltella è al centro del Garda, la capitale del divertimento, la mano nella quale cala il carico da undici.

Ci vanno praticamente tutti, consapevoli di partecipare al fulcro della bella stagione gardesana. Da mercoledì 2 agosto a domenica 6 si terrà la sua cinquantunesima edizione, una ricorrenza che lascia intuire la tradizione storica che l’evento porta con sé. Il porto di Rivoltella, una delle spiagge più suggestive del lago per l’emozionante apertura sul paesaggio, ospiterà, ed è proprio il caso di dirlo dato il nome della festa, uno spettacolo di folla e allegria. Ed è il gruppo folkloristico dei «Cuori Ben nati», affiancato dai «Los Caballeros» nella fascia «notturna» o post cena, il direttore d’orchestra, da sempre, di questo concerto benacense. «L’ambiente è ottimo, il posto stupendo e la squadra vincente» – dichiara pieno di entusiasmo il presidente Giuliano Garagna alla vigilia dell’appuntamento mentre vengono allestiti gli stand, le cucine e i quasi 1200 posti a sedere. Un lavoro che impegnerà più di 150 volontari per la settimana della festa. La rassegna parte dell’aspetto gastronomico, e il vice presidente Valter Mesar anche quest’anno ha curato un menu che, oltre alle classiche grigliate e all’immancabile spiedo, promuovesse e valorizzasse la cucina locale e le tipicità del lago. Compaiono infatti il luccio alla barcaröla, il coregone in saòr e, novità, il risotto con il pesce persico. Proposto a già Risoltella lo scorso giugno, il piatto ha riscosso tanto successo da essere riconfermato anche in questa occasione.

Ma la cinque giorni non è solo cena. Una serie di manifestazioni sono previste nell’arco della rassegna fino al culmine dei famosi fuochi di domenica sera. Mercoledì, dopo l’apertura iniziale alle ore 19.00, musica con Radio Studio Più. Giovedì sera si esibirà la Titti Castrini band, un’istituzione. Il weekend si apre alle 21.00 con l’orchestra di Renato Micaglio e la sfilata di moda di Patrizia Concari. Sabato giornata piena fin dal mattino, dalle 8.00 con la gara di pesca per ragazzi 14° Trofeo «L’orafo», alle 9.00 partirà il torneo di Beach volley e musica serale con il complesso Oxxxa. Domenica, in attesa del tradizionale spettacolo pirotecnico delle 23.00, la classica «pedalada a Riultela» dalle ore 9.00 e il torneo di Mini ball dalle 14.30. La festa da quest’anno sarà ancora più sicura, con le nuove disposizioni di sorveglianza disposte dalle normative dopo i fatti di Nizza e Torino. «Oltre alla presenza dell’ambulanza, garantita da anni, gli accessi saranno controllati – spiega Mesar – e le vie di fuga garantite. Le disposizioni sono ingenti e necessarie per il buon esito della manifestazione in tutta tranquillità».

Nessun problema neanche con il vicino Centro Raphael Laudato Sì, la cui convivenza con la festa non è al momento affatto problematica nei reciproci confronti. Divertimento anche nel rispetto dell’ambiente. «Da anni pratichiamo la raccolta differenziata – racconta Garagna – e utilizziamo materiali biodegradabili compostabili». Così, tra famiglie che si godono il lago, turisti che si fanno coinvolgere in un’esperienza unica, balli e birre in compagnia, amori d’agosto che nascono, o che muoiono, Rivoltella si accaparra, almeno per una settimana, il titolo di regina del Garda, sino alla notte di domenica quando la folla con lo sguardo rivolto al cielo aspetterà i fuochi che illuminano il velluto di cui si veste il firmamento. Un ultimo ballo per i più nottambuli, poi il lunedì riporterà tutto e tutti alla normalità. L’estate non sarà finita, ma la festa sì, e l’appuntamento ormai sarà all’anno prossimo con un ciclo che scandisce i momenti di un’intera comunità.

 

di Sergio Lingeri

da Gardaweek del 28 luglio 2017

Economia

Sanità

Politica