Saavedra, cugino del premio Nobel

Stampa Home
Articolo pubblicato il 21/04/2017 alle ore 13:00.
Saavedra, cugino del premio Nobel 2
Saavedra, cugino del premio Nobel 2

Una famiglia antichissima. Che ha radici anche a Pastrengo. E che, almeno per un ramo di quella genealogia, finirà con Edoardo Saavedra. Dal 698 (quasi 600 anni prima della nascita di Dante Alighieri) il suo cognome copre mezzo mondo, dalla Spagna al Sudamerica passando per l’Italia.

E lui è diretto discendente del primo presidente della Repubblica argentina, delle province unite del Rio de la Plata, il boliviano Cornelio Saavedra, a capo dello Stato che, dopo il trionfo della Rivoluzione di maggio nel 1810, ha soppiantato il Vicereame.

Non solo, è anche il cugino del primo premio Nobel sudamericano per la Pace del 1936, Carlos Saavedra Lamas, giurista e politico. Una tradizione incredibile che rivive nella casa di Edoardo, in via Sambuco, vicino alla chiesa, tra quadri, stampe, foto antiche e mobili che trasudano storia.

LA STORIA COMPLETA NELL'EDIZIONE, IN EDICOLA DA OGGI, DI GARDAWEEK

 

Economia

Sanità