Toro Club Desenzano, in castello la mostra

Stampa Home
Articolo pubblicato il 25/09/2017 alle ore 18:43.
Toro Club Desenzano, in castello la mostra 4
Toro Club Desenzano, in castello la mostra 4

In occasione del suo 25° anno di fondazione il Toro Club di Desenzano del Garda organizza, con la collaborazione e il patrocinio del Comune, una mostra in castello dedicata al Grande Torino, una delle squadre più amate della storia calcistica nazionale, pluricampione d’Italia con cinque scudetti vinti consecutivamente e colonna portante della Nazionale azzurra per molti anni (nel 1947, ben 10 giocatori titolari su 11 appartenevano alla squadra del Torino). Purtroppo, la sera del 4 maggio 1949, l’intera squadra fu sterminata in un terribile incidente aereo a Superga, ma la memoria della più grande formazione del nostro dopoguerra è ancora viva.

La mostra desenzanese sarà allestita dal 1° al 15 ottobre nelle sale del maniero cittadino e inaugurata sabato 7 ottobre alle 17.30 alla presenza delle autorità locali; il titolo “Non credevamo di amarli tanto” è tratto da un giornale dell’epoca (Il Tifone del 10 maggio ’49). L’esposizione, curata da Giampaolo Muliari direttore del Museo del Grande Torino e della Leggenda Granata, si compone di materiali e oggetti originali dell’epoca: foto, articoli di giornale, documenti, scarpe, maglie e palloni del Grande Torino, alcuni reperti dello Stadio Filadelfia, il vecchio stadio torinese dove il Torino ha giocato tutte le sue partite, quadri e disegni. Si potrà vedere anche una valigetta appartenuta a uno dei massaggiatori della squadra, che era sull’aereo dell’incidente e che contiene delle ampolle rimaste miracolosamente intatte. Ricordi di un calcio che fu. Materiali e tecniche completamente diversi rispetto a quelli dei giorni nostri.

«Con questa mostra – commenta Pier Giovanni Zavattaro, presidente del Toro Club di Desenzano – vogliamo ricordare un pezzo di storia calcistica italiana, che il Grande Torino ha rappresentato, ma anche la passione e la bellezza di uno sport d’altri tempi, praticato in maniera sana e pulita. Immancabile sarà il ricordo del calciatore bresciano Mario Rigamonti».

All’inaugurazione saranno presenti anche alcuni ex giocatori, campioni che hanno indossato la maglia del Torino nel 1975/76: il bomber Paolino Pulici, che con 172 gol totali è il primatista dei marcatori del club granata di tutti i tempi, Eraldo Pecci oggi scrittore e commentatore televisivo e l’allenatore Luciano Castellini.

«Le mostre itineranti come quella di Desenzano – afferma Giampaolo Muliari, direttore del Museo permanente del Grande Torino – ci aiutano a far conoscere la storia della squadra, specialmente tra i giovani. Ogni anno tantissime scolaresche visitano il museo e le mostre in giro per l’Italia. Una memoria ancora molto sentita e apprezzata dai ragazzi, che ci ha portato a promuovere oltre 150 eventi in vent’anni».

All’inaugurazione con visita guidata della mostra, sabato 7 ottobre alle 17.30, seguirà un rinfresco.

Gli orari di visita sono quelli di apertura del castello: tutti i giorni, escluso il lunedì, dalle ore 10 alle 12.30 e dalle 15 alle 18.

Economia

Sanità