Totò che sogna di essere come Ali

Stampa Home
Articolo pubblicato il 16/05/2017 alle ore 18:00.
Totò che sogna di essere come Ali 2
Totò che sogna di essere come Ali 2

La palestra White Team di Castelnuovo sforna campioni. Qualche mese fa due ragazzini, oggi un giovane uomo. Ventitrè anni ancora da compiere ed è già in gara per il titolo di campione nazionale di pugilato della categoria senior sessantanove chili.

E’ il presidente del Rotaract di Peschiera del Garda, Salvatore Malatino, che gareggerà dall’11 al 14 maggio 2017 per il titolo di campione nazionale. Si allena da tempo con Andrea Salvetti, altro lottatore famoso del territorio. «Si è preparato a lungo per questo torneo – ha raccontato Luca Badalotti allenatore di Salvatore –, speriamo nel meglio, ovviamente.

Siamo grati alle palestre veronesi e della provincia per aver fatto con noi lo sparring, ovvero il combattimento pre gara con altri atleti che gareggeranno, per aumentare la preparazione del pugile». Badalotti è un coach molto stimato alla White Team e in Salvatore ha visto una grande potenzialità, a tal punto da volerlo in gara seriamente. 

Luca ha parlato con fierezza del suo allievo che lui stesso ha spinto a gareggiare, perché ne ha viste le capacità. «Il pugilato mi è sempre piaciuto. Ho iniziato ad allenarmi quasi per gioco nel 2015 – ha raccontato Salvatore – mi piaceva e ho scelto di intraprendere questa strada. 

Il mio obiettivo non erano assolutamente le gare, ma il mio allenatore mi ha spinto in quest’esperienza entusiasmante e lo ringrazio molto». Salvatore è nato a Catania, vive a Peschiera del Garda e studia scienze motorie a Brescia. Momentaneamente lavora come impiegato nell’azienda logistica della sua famiglia, ma il sogno nel cassetto di Salvatore è quello di diventare un manager sportivo. Salvatore è un ragazzo timido e molto impegnato nel sociale.

Il 3 ottobre dell’anno scorso, nella sede della palestra Black team di Affi, gemellata, aveva organizzato una giornata formativa con altri «fighter» per la prevenzione della violenza sulle donne.

E parlando di donne, una in particolare non perde tempo per manifestare la sua ammirazione nei confronti del fratello, Gloria Malatino, la sorella che si allena nella stessa palestra e gareggia. Gloria, mentre parlava dell’ultima gara con il proprietario della palestra Andrea Salvetti, con la fierezza negli occhi ha detto: «Sono la sorella di Totò, per questo sono andata avanti nei sei match».

Una bella promessa del pugilato, anche se la timidezza di Salvatore non farebbe mai immaginare che dentro di lui si possa nascondere un lottatore così tenace da arrivare a vincere i campionati regionali dopo solo un paio di anni di allenamenti e a gareggiare per quelli nazionali. Salvatore partirà per Roseto degli Abruzzi l'11 maggio.

Gareggerà nel torneo nazionale senior, indetto dalla Fpi (Federazione Pugilistica Italiana) e organizzato in collaborazione con la Asd Pugilistica Rosetana.

Il grande evento si svolgerà al Pala Magetti di Via Salara. Saranno ben 124 i boxer che parteciperanno alla gara, compreso il campione di Badalotti, Salvatore. Una vittoria meritata quella di Salvatore che si è sempre allenato con dedizione non portando mai via tempo al lavoro e allo studio.

Saranno giorni molto caldi, in cui le persone vicine a Salvatore terranno il fiato sospeso fino all’esito, perché in questo sogno non credeva nemmeno lui.

Forse la sua grande umiltà unita alla timidezza non hanno mai permesso che si montasse la testa e di questa vittoria lui non parla con vanto, ma con riconoscenza verso il suo coach.

Da Garda Week del 5 maggio 2017

Economia

Sanità