Un prodigio per il "Gasparo da Salò"

Stampa Home
Articolo pubblicato il 01/08/2017 alle ore 16:25.
Un prodigio per il "Gasparo da Salò" 4
Un prodigio per il "Gasparo da Salò" 4

Terzo appuntamento per la 59esima edizione del Festival violinistico internazionale “Gasparo da Salò”, che vedrà come protagonisti il giovane prodigio Jingzhi Zhang, accompagnata dall’Orchestra I Pomeriggi Musicali e con la direzione del Maestro Pavel Berman

Il Concerto per violino di Ciaikovskij è una delle opere violinistiche più famose e amate dagli appassionati, un cavallo di battaglia per i più grandi virtuosi dell'archetto. Al festival di Salò questa parete di sesto grado viene affrontata da Jingzhi Zhang, sedicenne cinese considerata un vero e proprio prodigio. 

Nata in Cina nel 2001, Jingzhi Zhang ha iniziato a suonare il violino quando aveva quattro anni. Ha tenuto concerti in Cina, Italia, Svizzera, Russia, Lituania e Stati Uniti. Ha suonato con la National Symphony Orchestra di Beijing, l’Orchestra Sinfonica di Sichuan, la Presidential Symphony Orchestra di Mosca e molte altre. Dal 2014 studia presso il Conservatorio della Svizzera Italiana nella classe del Maestro Pavel Berman.

Ed è proprio Pavel Berman a dirigere la violinista e la storica Orchestra I Pomeriggi Musicali che completerà il programma della serata con l'Ouverture Egmont di Beethoven e con l'affascinante Sinfonia "Scozzese" di Mendelssohn.

Il festival proseguirà il 18 agosto con la serata di chiusura dedicata a Gershwin: Serata Gershwin.

Economia

Sanità