Un sirmionese campione italiano di freccette

Stampa Home
Articolo pubblicato il 03/10/2017 alle ore 16:19.
Un sirmionese campione italiano di freccette 4
Un sirmionese campione italiano di freccette 4

Alessio Medaina, sirmionese classe 1990, è il nuovo campione italiano di freccette, il classico gioco da bar che nel corso degli anni è diventata una vera e propria disciplina sportiva. Si è svolto nel fine settimana da venerdì 15 a domenica 17 settembre a Caorle, in provincia di Venezia, il Campionato italiano singolo-doppio-cricket della Figest, Federazione Italiana Giochi E Sport Tradizionali, dove Alessio si è scontrato con i più forti d’Italia in questa disciplina. Quattro le categoria in gara, A-B-C-D, Alessio si è guadagnato il titolo di campione italiano vincendo nella categoria A, quella dei giocatori più forti. L’abbiamo conosciuto meglio per capire com’è nata la sua passione per questo gioco.

Quando hai iniziato a praticare questa disciplina?
«Ho iniziato sette anni fa a Sirmione, al bar con gli amici. Mi sono appassionato subito e da lì, freccia dopo freccia, ho partecipato a diverse competizioni. Ho capito fin dall’inizio di essere portato ma nell’ultimo anno e mezzo ho iniziato a vincere sempre più spesso. Questo mi ha portato a voler competere con altri giocatori forti, per riuscire a misurarmi con loro».

Avevi già partecipato ad altri campionati?
«Ogni anno ci sono diversi tornei in Italia, avevo già partecipato a queste gare e vinto alcuni titoli ma in categorie minori. Per la prima volta ho gareggiato in serie A, che è il massimo, ed ho vinto. E’ stata una soddisfazione enorme sopratutto perchè era la prima volta che sfidavo avversari di quel livello».

Cosa ti appassiona di questa disciplina?
«Sono una persona abbastanza sportiva in generale quindi la competizione mi piace molto. Più vado avanti e più mi innamoro delle freccette. Quello che è nato come un gioco per divertirsi tra amici e passare qualche ora in compagnia sta prendendo sempre più piede in tutta la nazione. Infatti partecipando a queste gare hai la possibilità di girare tutta l’Italia ed è molto bello. Conosci tante persone e nascono rapporti che poi continuano nel tempo». Complimenti quindi ad Alessio ed in bocca al lupo per le prossime competizioni.

 

da Gardaweek del 22 settembre

Economia

Sanità