Uto Ughi in concerto a Salò

Stampa Home
Articolo pubblicato il 17/07/2017 alle ore 17:24.
Uto Ughi in concerto a Salò 4
Uto Ughi in concerto a Salò 4

La 59esima edizione dell’Estate Musicale del Garda “Gasparo da Salò” si aprirà in grande stile, accogliendo sul palco uno dei violinisti più importanti a livello internazionale. Sarà infatti Uto Ughi, accompagnato da I Filarmonici di Roma, ad inaugurare questa nuova edizione del Festival il 23 luglio alle 21.30 in Piazza Duomo a Salò. In programma l’esecuzione di musiche di Beethoven, Pugnani-Kreisler, Saint-Saens e Sarasate. 

Quello tra l’Orchestra da Camera I Filarmonici di Roma e il Maestro Uto Ughi è un sodalizio che dura ormai da quarant’anni e che li ha portati insieme sui palchi di tutta Italia e nel mondo. 

Tra i numerosi riconoscimenti ottenuti dall’Orchestra, vale la pena citare  una targa da parte del Parlamento Europeo che dice testualmente: "All'Orchestra I Filarmonici di Roma che ha elevato ai massimi livelli l'espressione della musica italiana nel mondo intero”.

Uto Ughi ha mostrato uno straordinario talento fin dalla prima infanzia. Ha iniziato le sue grandi tournèes europee esibendosi nelle più importanti capitali europee. Da allora la sua carriera non ha conosciuto soste. Ha suonato infatti in tutto il mondo, nei principali festival e con le più rinomate orchestre sinfoniche di tutto il mondo.

Oltre ad essere il violinista italiano più famoso, un vero e proprio vanto della musica italiana nel mondo, Uto Ughi è il beniamino dell'Estate Musicale del Garda, un artista straordinario che ha scandito la storia del festival salodiano con esecuzioni memorabili. Quest'anno ritorna con la sua fedele orchestra, I Filarmonici di Roma, e con un programma ad alto tasso virtuosistico, per una serata inaugurale che si preannuncia imperdibile.

Il festival proseguirà poi il 28 luglio con Polvere di Stelle (omaggio a Luigi Comencini), il 5 agosto con l'orchestra I Pomeriggi Musicali e la giovane violinista Jingzhi Zhang e il 18 agosto con la Serata Gershwin.

Cultura

Economia

Sanità

Politica